Segnalazione uscita “Il sangue dei figli. Le indagini di Boretti e Orlandini” romanzo di Giovanna Barbieri

SINOSSI

Due piani temporali intrecciati: La Firenze della II guerra mondiale (1944) e i mondiali di calcio del 1982.

Due efferati omicidi da risolvere.

Un ispettore colto e imperturbabile.

Una donna ispettore vivace e femminista.

Due poliziotti dai caratteri molto diversi.

Due ex partigiani simpatici e dalla buona memoria che aiuteranno la squadra mobile a risolvere il caso.

IL LIBRO

TITOLO: Il sangue dei figli. Le indagini di Boretti e Orlandini, vol 1.

AMBIENTAZIONE: Firenze, con doppio piano temporale, nel 1944 e nel 1982.

PERSONAGGI SERIALI:

Ispettori Fiammetta Boretti e Guglielmo Orlandini, del dipartimento squadra mobile di Firenze.

Ci sono anche altri personaggi che compaiono sempre nei gialli: Andrea Diaz, il capo della squadra; Dodi e Mancini (due poliziotti); Beatrice Giustarini, primo dirigente medico all’ospedale Careggi, Lorenzo Rossetti, capo della polizia scientifica di Firenze, Alessandro, cuoco e amante di Fiammetta; Marco, parrucchiere e amante di Guglielmo; Giacomo Agnoletti, archivista ed ex partigiano (detto il Rosso) all’Istituto Storico Toscano per la Resistenza.

BIBLIOGRAFIA:

Quasi tutte le informazioni sui partigiani fiorentini provengono dalla consultazione del materiale presente all’Istituto storico toscano per la Resistenza.

Letto anche il saggio storico: I carnefici italiani. Scene dal genocidio degli ebrei, 1943-1945 di Simon Levis Sullam.

DATA DI PUBBLICAZIONE PREVISTA PER IL 15 NOVEMBRE 2023: In digitale, KU e in cartaceo.

Per acquisto (eBook) cliccare qui.

ESTRATTO

Marzo 1944

Via de’ Cerretani

«Marzucchino e tu, bambina mia, nascondetevi, presto! La strega mi ha denunciato e non voglio che prendano anche voi!»

Cesci sapeva che la vicina di casa era iscritta al Partito Fascista Repubblicano. Un tempo, con il fratellino, lei aveva giocato con la figlia della donna e frequentato la sua casa.

La strega non poteva essere all’oscuro che il loro padre fosse un partigiano e combattesse contro i nazisti e contro la Repubblica Sociale Italiana. Lui si era unito alla Resistenza mesi prima e da allora lo avevano visto forse una volta.

Ora Cesci aveva anche scoperto che la fascista aveva segnalato alle SS sua madre, la quale aveva partecipato allo sciopero generale indetto dalla fabbrica dove lavorava, la Richard-Ginori.

La fame, i soprusi, le morti di bambini, d’anziani, per non parlare dei mariti e dei figli maggiorenni, catturati e torturati anche dalla Banda Carità, erano troppi.

«Mamma, vogliamo venire con te!» si lagnarono entrambi.

«Non potete, tesori miei. Anche se la protesta non è stata violenta, molti miei colleghi sono stati fermati sul posto. Sono stata fortunata a raggiungervi. Le SS e i fascisti hanno iniziato quasi subito i rastrellamenti.»

Lei e Marzucchino insistettero ancora, aggrappandosi alla gonna della madre. Non desideravano essere lasciati lì da soli.

«Cosa faremo senza di te? Moriremo di fame» mugolò Cesci.

«Basta lucciconi! Non abbiamo più tempo. Ora infilatevi nel buco del muro, dietro il mobile dispensa, e non muovetevi finché i tedeschi non se ne saranno andati. Il babbo verrà a prendervi, vedrete. I compagni lo avvertiranno che sono stata catturata senza di voi.»

La madre s’agitò ancora di più quando sentì i passi grevi dei militari che salivano le scale. Erano venuti per arrestare anche altri occupanti del palazzo.

A forza, Cesci e Marzucchino riuscirono a introdursi nel pertugio, grazie anche alla loro magrezza, e la madre coprì l’apertura con il mobile dispensa che aveva la schiena bucata.

Poteva essere spostato dall’interno, ma loro avrebbero sudato non poco, alla fine. Le SS sfondarono la porta. Lei strinse il fratello che tremava contro il suo fianco, come un leprotto catturato, e sbirciò da un’apertura.

La madre emise un grido acuto ma non oppose resistenza. Si consegnò, disarmata, ma uno dei soldati la malmenò lo stesso, facendole sanguinare il naso e spaccandole il labbro superiore.

L’AUTRICE

Giovanna Barbieri è editor freelance da più di dieci anni e ha all’attivo già numerosi romanzi. È da sempre appassionata di Storia italiana: Impero Romano, alto e basso Medioevo e Rinascimento.

Ha pubblicato:

La stratega trilogia, un time travel storico ambientato nel XII secolo d. C. tra l’Italia e la Terra Santa.

Il Ghibellin fuggiasco (Cangrande della Scala e Dante Alighieri), un romanzo storico ambientato nel XIV secolo d. C. tra Verona, Vicenza e la Valpolicella.

Dell’Amore e della spada: Beatrice e Giuliano, un romanzo storico-sentimentale ambientato a Roma nel 1513 d. C.

Silfrida, la schiava di Roma, un romanzo storico-sentimentale ambientato nel nord Italia nel V secolo d. C.

L’ accusa del sangue: giallo storico ambientato a Urbino nel 1483 d. C.

Il palio insanguinato: giallo storico ambientato a Siena nel 1483 d. C.

Cave Bestiam: giallo storico ambientato a Venezia nel 1484 d. C.

La sposa di Valleargentina: pubblicato con la Casa editrice Land Editore, ambientato tra Mantova e Milano nel 1494 d. C.

Il sangue del figli ha vinto il primo premio, sezione gialli nel cassetto romanzi inediti, del Concorso letterario internazionale Ceresio in giallo 2022/2023.

Qui l’intervista rilasciata da Giovanna Barbieri al nostro Blog a marzo 2021.