Recensione a “IL MONASTERO. Benedetto XVI nove anni di papato-ombra”. Saggio di Massimo Franco

“IL MONASTERO. Benedetto XVI nove anni di papato-ombra” saggio di Massimo Franco

Recensione a cura di Beniamino Malavasi.

Più che una vera e propria recensione questa vorrebbe essere una breve riflessione sulle 263 pagine [indici esclusi] di questo saggio-indagine appena terminate.

Tristezza: ecco il sostantivo che, forse, più di tutti inquadra lo stato d’animo che provo al termine della lettura del libro di Franco.

Tristezza perché l’essere umano è sempre essere umano: non ci sono religione o Dio che tengano di fronte a esso: il Potere. E il Papato, sia esso “emerito” o “in carica” non è da meno [sigh].

Certo, non lo si scopre certo oggi, e le dimissioni di Joseph Ratzinger da Papa, con decisione di risiedere all’interno della Città del Vaticano nel “Monastero Mater Ecclesiae”, hanno acuito il problema. E poco importa, come ripetutamente sottolineato da Franco, che i due Papi [emerito e in carica] abbiano a più riprese dimostrato stima, fiducia reciproca e volontà di collaborare.

Il Potere ha regole ferree e non importa che tu sia Papa: devi obbedire, dimettendoti o “licenziando” chi ti hanno indotto a credere non la pensi come te, anche se sei il Prefetto della Casa Pontificia.

Ma le pagini più inquietanti sono le ultime: cosa accadrebbe se Francesco o uno dei suoi successori decidessero a loro volta di dimettersi dalla carica di Pontefice, visto il vuoto normativo tutt’ora esistente sul punto?

Massimo Franco consegna al lettore un saggio strutturato quasi a spot, dove l’Autore prende a spunto accadimenti più o meno noti, più o meno rilevanti per spiegare quella strana dicotomia venutasi a creare il 28 febbraio 2013 nello Stato più piccolo [e discusso] del Mondo.